«La competizione è confronto, non aggressione»

Il 15 febbraio 1920 nasceva a Pordenone Lino Zanussi, uno degli industriali italiani più importanti del secolo scorso

electrolux-inizio-70749a022Nei giorni in cui si decidono i destini dello stabilimento che fu il cuore e il cervello del prestigioso Gruppo di elettrodomestici pordenonese fa riflettere una frase del discorso pronunciato da Lino Zanussi all'Università Popolare di Udine l'8 maggio 1968, esattamente 40 giorni prima della sua morte. Come responsabile di una grande industria, ormai proiettata verso dimensioni mondiali, affermò che un’«impresa è viva e vitale» solo quando non concepisce la competizione come lotta e aggressività per affermarsi a tutti i costi nel mercato, bensì come impegno di «confronti, alternative e continue scelte»

 

Il caso Electrolux alla stretta finale: delocalizzazione in Polonia, taglio dei salari o cos’altro attende Porcia?

 

 

Porcia è la linea del Piave

crisi-Electrolux-img 5072L'alto costo del lavoro italiano è un problema, ma non deve diventare un comodo alibi:
va inserito in un quadro complessivo di scarsa competitività. Dentro ci stanno anche
le responsabilità di Electrolux che non può pensare di portare le produzioni
a spasso per l'Europa, alla ricerca di occasioni per ridurre i costi

Giù le mani dalle nostre fabbriche

copertinaporcia

Pordenone alle prese con uno dei momenti più difficili della sua storia recente

Mentre il premier Enrico Letta continua a "vedere" la ripresa a portata di mano, la nostra provincia tocca il punto più basso dall'inizio della crisi. Pordenone, la capitale italiana dell'elettrodomestico, è di fronte a un bivio: rassegnarsi al declino oppure inventarsi un progetto di rilancio che diventi un modello per il sistema paese

di FLAVIO MARIUZZO

Musica arde sotto la cenere nella città del Great Complotto

sax

Viaggio alla scoperta del complicato rapporto fra Pordenone e la musica

Negli anni ’80 il punk pordenonese rappresentò un’avanguardia artistica di livello europeo. Oggi quel Dna ha prodotto band affermate come i Prozac+ e i Tre Allegri Ragazzi Morti. Eppure la musica in città viene tollerata, tra ordinanze antirumore e spazi per le esibizioni sempre più incerti come il Deposito Giordani

di DAVIDE CORAL

pordenonelegge, una finestra spalancata sul mondo

2012-angeli

Dal 18 al 22 settembre si rinnova l’appuntamento con la Festa del Libro nel cuore della città

Da Sergio Romano a Gianni Riotta, da Martin Amis a Daniel Pennac, da Mauro Corona a Carlo Lucarelli. La 14esima edizione resiste ai tagli imposti dalla crisi e continua a raccontare la società contemporanea con coraggio e curiosità, senza idee precostituite di cultura da somministrare al pubblico ma reinventandosi ogni volta per stimolare un modo di vivere consapevole

 

 

 

Chi è online

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online